Ebbene sì, è arrivata l’ora di cominciare la tua ricerca di stage all’estero.

Sia che tu abbia trovato delle offerte interessanti sul nostro sito,  sia che tu voglia candidarti direttamente alle imprese, prenditi del tempo per pensare e costruire il tuo CV da studente. La prima impressione non ha una seconda chance !

Scopri il nostro spazio coaching per ottimizzare al meglio la tua candidatura. Se ti candidi alle nostre offerte di stage, un nostro collaboratore rivedrà in dettaglio con te le possibili modifiche da apportare alla tua candidatura.

CV studente: un’informazione mirata, utile e precisa !

Un CV studente deve presentare informazioni specifiche alle quali tu dovrai prestare attenzione. Quando cerchi uno stage, devi sapere che cosa mettere in un CV.

La base d’inizio : un CV di stage deve categoricamente indicare le date a partire dalle quali sei disponibile. Il mese di inizio, la durata di stage. Se sei flessibile, precisalo ! E’ importante per un reclutatore.

Missioni/stage ricercato : E’ importante che il reclutatore sappia direttamente se cerchi Risorse Umane, marketing o relazione clienti. Non può indovinare che cosa vuoi fare !

Pensa anche a costruire e organizzare bene il tuo CV studente, che rifletterà la tua professionalità. Esistono molteplici opzioni. Se stai facendo un master, dove probabilmente avrai svolto qualche lavoro/stage, allora comincia col menzionare le tue esperienze professionali. Sii preciso : ordine cronologico + periodo di ciascuna esperienza (mese/anno) + nome dell’impresa + le missioni più pertinenti. Le competenze da mettere in un CV sono essenziali, ed è bene associarle alla tua esperienza professionale.

Se non hai ancora esperienza e ti chiedi che cosa mettere in un CV, niente panico. Il nostro consiglio è di cominciare dalla parte della « formazione ». Potrai menzionare le competenze da mettere in un CV dal percorso del tuo insegnamento : rigore, lavoro e equipe (lavori di gruppo…), autonomia (lavori individuali), coscienzioso, organizzato… Non è necessario d’altra parte fare il dettaglio di tutte le attività che hai realizzato a scuola… il reclutatore vedrà subito se ti « sopravvaluti ».

Il livello delle lingue

Si tratta di tutte le tue lingue parlate a partire dalla tua lingua materna. Se hai fatto un corso di cinese 3 anni fa… non menzionarlo ! Se non hai almeno le basi, sarà inutile in termini di competenze metterlo in un CV !

Per gli stages in Europa, utilizza la misura europea : B1, B2, C2, C2. C2 è il livello bilingue/madre lingua. Le frasi come « livello universitario » sono totalmente soggettive e non indicano nulla di chiaro al reclutatore. Ovviamente, siate onesti sul vostro livello di lingua… in un modo o nell’altro vi verrà valutato. Per gli stage all’estero, non dimenticate di precisare la lingua materna. Se è ovvio per te, non lo è per forza per un reclutatore.

La foto

Tutto dipende da dove ti candidi. Come certamente saprai modello inglese di CV raccomanda di non mettere alcuna foto. Se tu d’altro canto sei interessato a paesi mediterranei o a stage presso strutture hoteliere, avrai ogni interesse a metterne una.

La foto… è tutt’oggi un dibattito acceso. Ma siamo onesti e precisi. Una buona foto per un CV studente deve essere : recente, nitida, ben regolata (viso + busto). Per la scelta dell’abbigliamento : evita le bretelle e décolleté, le t-shirt, abiti sportivi. Niente foto sulla spiaggia o con braccia di un compagno al collo. Dimentica inoltre la modalità selfie/beccuccio d’anatra o altro. Siate sorridenti, rasati e pettinati.

Centri d'interesse

Esclusivamente se sono pertinenti in termini di competenze da mettere in un CV sia legati allo stage stesso. Esempio : sport in competizione/livello alto, sia avere il tuo proprio blog o gestire i social network di un’associazione. Se vuoi dire che ami il cinema, le lettura e la musica… ciò non presenterà alcun interesse maggiore.

Estetica

La presentazione globale del tuo CV studente è comunque importante. Scegli uno stile neutro che rispetti gli allineamenti. La vista d’insieme del tuo CV studente deve dare l’idea delle tue competenze: minuto, organizzato, sintetico… In modo che il reclutatore lo sappia apprezzare.

Infine, una parola sul modello inglese di CV : un paragrafo d’introduzione sarebbe il benvenuto, in cima al CV. In questo caso preciso, non mettere alcuna foto. E ovviamente, sottolinea la traduzione del tuo CV.

Una volta pronto, non dimenticare di convertire il tuo CV in PDF. Se inviate il CV per domanda di stage in formato Word, ciò non gioca a vostro favore !

Come presentare una candidatura via email

Avere un bel CV studente non è tutto nella ricerca di uno stage. Bisogna anche curare l’insieme della tua candidatura. Oggi la maggior parte delle candidature si fa sia online, sia via email. Per ciò che si fa online, non c’è spazio alla personalizzazione… andiamo dunque a soffermarci sulla candidatura via email per evitarti tutti i piccoli errori che possono essere fatali.

Obbligatorio : la scelta del tuo indirizzo email. Se con i tuoi amici e famiglia hai qualcosa del tipo « [email protected]il… » Lascia perdere… Togliti dalla testa di utilizzare tale indirizzo per la tua ricerca di stage.

L’email stessa può fungere da lettera di motivazione per uno de stage. In questo caso bisognerà ovviamente personalizzare l’email. L’errore più frequente in una lettera di motivazione di stage è di fare copia-incolla da un’azienda all’altra… dimenticando persino di cambiare il nome dell’impresa !

Un’altra informazione assolutamente essenziale da integrare nella tua email : per quale annuncio stai inviando la tua candidatura ? Pensa che il reclutatore potrebbe avere una dozzina di offerte in corso, pubblicate su differenti piattaforme. Non può indovinare quella per la quale sei interessato. Per ottimare la tua candidatura dall’introduzione indica : nome dell’offerta e possibilmente il link presso il quale l’hai trovata. In questo modo gli faciliterai molto il compito, ed apprezzerà il tuo senso di organizzazione e attenzione per i dettagli. Ricorda inoltre le tue date di stage nell’email. Non esitare a mettere in grassetto le informazioni più importanti e menzionare le tue coordinate nella firma, anche se ci sono già nel tuo CV.

E soprattutto, la regola d’oro : non rispondere mai ad un reclutatore chiedendo per quale annuncio ti sei candidato !

Lettera di motivazione per uno stage

Ci si chiede sempre se al giorno d’oggi c’è ancora bisogno o no della lettera di motivazione. Al momento non entreremo in tale dibattito, e ti daremo qualche consiglio prezioso per sapere come fare una lettera di motivazione per uno stage.

Come per l’email di candidatura, alcune informazioni sono obbligatorie in una lettera di motivazione di stage : date di stage, durata, la vostra università/scuola, il posto per il quale ti stai applicando. Il tutto nel primo paragrafo in modo che il reclutatore ti possa da subito « collocare ».

Bisognerà spiegare perchè vorresti ottenere tale stage, e quali sono le tue competenze per soddisfare a pieno le missioni (esperienze, formazione, competenze…). Aggiungi inoltre un paragrafo che spiega in che cosa questa impresa sarà importante nel tuo progetto professionale o nel tuo seguito degli studi. Una lettera di motivazione serve a valorizzarti, ma anche a valorizzare l’azienda (senza sembrare troppo leccapiedi).

Infine, fare una lettera di motivazione prevede anche delle formule classiche di educazione per terminare.

L’arte di tutto ciò è di essere concisi, dare le informazioni più importanti, essere accattivanti ma non troppo. E’ inutile fare una lettera di due pagine, la tua lettera di motivazione per uno stage sarà letta in diagonale per la maggior parte delle volte, per individuare le principali informazioni utili al reclutatore.

Identità numerica

Quando cominci la tua ricerca per uno stage, è anche importante prendersi cura della propria identità numerica, in altri termini, ciò che si trova su di t quando si digita il tuo nome in un motore di ricerca.

Ciò potrebbe sembrare insignificante, ma alcuni candidati sono stati scartati a cause di qualche immagine  « di troppo » sui social network.

Le regole di base sono dunque : verificare il tuo profilo su ciascuna delle risorse social o dove tu abbia un profilo : Facebook, Instagram, LinkedIn…

Anche se Facebook e Instagram non sono delle piattaforme « pro » i reclutatori andranno a vedere la tua foto. Se vuoi lavorare nel lusso, nascondi tutte le foto volgari o un pochino « fuori luogo ».

Ovviamente dovrai anche riguardare il tuo profilo LinkedIn. La scelta della tua foto durante la tua ricerca di stage, dovrà essere professionale, o per lo meno « neutra ». Avrai comunque il tempo di rimettere foto di serate o divertimento in futuro.

Al giorno d’oggi internet e i dati personali rappresentano il cambiamento maggiore della nostra epoca, perciò la tua identità numerica deve essere pro come il tuo CV !

Passare un’intervista di stage

La tua candidatura ha fatto centro, e arriva infine la famosa intervista di stage. Niente panico, è pur sempre una buona notizia ! Ti daremo qualche consiglio per preparare bene la tua intervista, ed anche un’eventuale intervista in inglese.

Sia che l’intervista si svolga presso gli uffici dell’azienda, sia che avvenga via Skype o telefono, ecco le regole comuni :

  • Vestirsi in maniera appropriata. Ma non mi vedono per telefono, tu mi dirai. In effetti no, ma ciò ti permetterà di abituarti « all’ambiente ». Farla in pigiama guardando la tele non promette nulla di buono.
  • Un’ intervista di reclutamento è anche un momento chiave per il reclutatore per individuare i tuoi possibili difetti (mala gestione dello stress, grande timidezza, difficoltà nel parlare…). Divertiti con un amico, davanti allo specchio… per testare la tua gestualità e il tuo linguaggio del corpo.
  • Rispondere alle domande tipo in intervista. Ti verrà richiesto di parlare di tale esperienza professionale, perchè ti sei applicato a tale posto, che cosa sai dell’impresa.
  • Prepara le tue domande : ciò mostrerà in tuo interesse, permetterà anche di chiarire dei punti ce possono essere importanti per te. L’intervista non è a senso unico, nel senso che anche tu puoi aver bisogno di alcune informazioni e precisazioni.

Ricordati di presentarti in un’intervista, çiò non si improvvisa. Bisogna quindi prepararsi al meglio. Per un’ intervista in inglese, i nostri consigli sono gli stessi ma bisognerà inoltre preparare un vocabolario mirato, in modo da parlare delle tue esperienze e competenze, per parlare dell’impresa in funzione dei suoi settori precisi di attività.

Se vuoi sapere tutto su come passare un’intervista di stage, non esitare a leggere i nostri articoli dedicati sul nostro blog.

Pin It on Pinterest